LinkedIn News: come invitare un contatto a seguire una pagina (funzione in fase di test)

LinkedIn. Nasce nel 2003 come Social Media Pro, cioè rivolto ai professionisti e alle aziende (B2B), ma nel corso del tempo sta diventando sempre più social media (rivolgendosi quindi soprattutto al mercato B2C). Nonostante l’obiettivo sia quello di permettere a professionisti di entrare in collegamento (Linked-In) con altri, oggi è un ottimo canale dove fare pubblicità al proprio brand o azienda. Infatti, l’80% delle entrate di LinkedIn proviene da brand, enti e aziende. (Socia Media Examiner, 2018).

Nel 2018 LinkedIn ha compiuto 15 anni.
Oggi la piattaforma conta 562 milioni di utenti a livello globale, 11 milioni di utenti unici in Italia. Siamo al terzo posto in Europa dietro Inghilterra (25 milioni) e Francia (16milioni).
Il social dei professionisti è il più efficace e utilizzato per fare Lead Generation, 3,5 volte di più rispetto a Facebook.

L’83% di marketing B2B utilizza LinkedIn per distribuire i propri contenuti (Istituto Marketing Content)

Social Network che permette di creare connessioni che possono portare successivamente a pubblicità, aumento di lavoro (grazie all’opzione “Offerte di Lavoro” per reclutare personale o per essere trovati), oltre ai numerosi vantaggi di business (approccio > conoscenza> relazione > partnership).  Non starò a raccontare come creare un profilo LinkedIn efficace, ci sono molte guide a riguardo, però mi piacerebbe segnalare i dieci errori da non fare. 🙂 

 Andiamo al dunque.

Qual è il modo attraverso cui un’azienda può farsi pubblicità su LinkedIn?

  • Attraverso la creazione di una Business Company Page!
  • La Company Page aiuta a creare un’immagine professionale per l’azienda e i suoi dipendenti, soprattutto se arricchita con contenuti di valore e con un piano editoriale ben definito e coerente con il proprio piano strategico volto al mercato di riferimento.
  • Infatti, attraverso contenuti coerenti e di valore è possibile accrescere l’engagement aziendale, con le conseguenti possibilità di espandere la base dei followers per raggiungere cluster specifici di figure professionali.

Facciamo un esempio, nonostante potrà sembrare ridondante, la Company Page di LinkedIn

 

A che pro (non solo per i professionisti)?

 

  • Presenza digitale. Ripeto, se il mercato di riferimento dell’azienda o brand in questione è indirizzato a un mercato B2B, è il social giusto!
  • La possibilità di metterci la faccia e la cravatta, di darsi un “tono”;
  • La possibilità di vedere tutti i dipendenti che lavorano in una data azienda. E’ come avere un database dell’azienda in questione dove i dipendenti ci mettono la faccia e le “mansioni”;
  • Insight e analitiche sui followers che seguono la pagina;
  • Traffico verso le pagine menzionate e citate nei post;
  • Immagine di un’azienda evoluta e digitalizzata (stare al passo con le evoluzioni digitali non è semplice… soprattutto in Italia)

 

News: adesso è possibile (solo per alcuni perché in fase di test) invitare i contatti a seguire una Company Page 

 

 Sì, l’opzione è tale e quale a quella di Facebook “il tuo amico XY ti sta invitando a mettere mi piace alla pagina “Piru Piru”.  Su Facebook tale opzione a mio avviso è conseguenza il più delle volte orientata alla quantità a discapito della qualità. 
Allora che fare nel caso di LinkedIn? Non esagerare con le richieste di invito, insomma “invita tutti” non dovrebbe esistere, quello è spam bello e buono.
Le persone da invitare dovrebbero essere potenzialmente “in target” e interessate a ricevere aggiornamenti di quella specifica pagina, dove potranno trovare contenuti interessanti.


Di seguito i passaggi per invitare qualcuno a seguire la vostra pagina aziendale 

Ovviamente, vi accorgerete di far parte della cerchia dei fortunati se vedrete le opzioni qui di seguito:

 

1. Vai sulla Company Page che gestisci



 

 

2. In alto a destra clicca su “Novità: Strumenti dell’amministrazione”

3. Invita i collegamenti

 

 

 

 

 

 


4. NO spam, please 🙂

 

Ad esempio, io sono stata un membro che ha potuto testare tale funzione e che adesso non ha più. Per questo ho scritto all’assistenza clienti che mi ha prontamente risposto:

La ringraziamo del suo entusiasmo e interesse nello sviluppo delle funzionalità di LinkedIn. Sviluppiamo costantemente funzionalità del prodotto per migliorare la sua esperienza su LinkedIn. Testiamo i miglioramenti periodicamente su scala limitata prima del rilascio completo a tutti i membri iscritti. La funzionalità da lei segnalata è tornata in fase di rollaggio, testing, motivi per cui non è più del tutto disponibile in via estesa ai membri di LinkedIn.

 

ultimo aggiornamento al 22.07.2019 

Commenti

  1. Emanuele

    Ciao, una domanda che è una richiesta di aiuto.
    Nella pagina aziendale (linkedin.com/company/fondazionecr) non viene visualizzato, tra gli strumenti dell’amministratore, “invita collegamenti”.
    Riesci ad aiutarmi a capire il motivo?
    Grazie mille!

    1. Autore
      del Post
      Giusy

      Ciao Emanuele,
      grazie per la tua domanda. In effetti, andando su Linkedin e sulla pagina su cui avevo effettuato il test, il pulsante “invita collegamenti” non è più presente. Pertanto, mi viene da pensare che fosse solo un test e che sarà disponibile a breve, anche perché come si legge nella guida ufficiale di LinkedIn aggiornata 20 giorni è possibile: https://www.linkedin.com/help/linkedin/answer/104326/invitare-connessioni-per-seguire-la-tua-pagina-di-linkedin?lang=it

      Nel frattempo ho appena inviato una richiesta di supporto, aggiornerò l’articolo e ti aggiornerò rispondendo al commento nuovamente.

      Buona serata,
      G.

    2. Autore
      del Post
      Giusy

      Ciao Emanuele,
      ho aggiornato l’articolo con la risposta da parte del team di LinkedIn. Come pensavo, infatti, la funzione è in fase di test / rollaggio.
      😉

      A presto!
      G

    1. Autore
      del Post
      Giusy

      Ciao Ouine, il customer service di LinkedIn mi ha confermato qualche giorno fa che hanno “inibito” la funzione perché in fase di test ancora in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.